Osteria Brunello

Osteria Brunello

Corso Garibaldi 117 – Milano

RISTORANTE / CENA

Ci troviamo in Corso Garibaldi, in una delle zone pedonali più belle della città.

L’Osteria Brunello, dal 2008, fonde la tradizionale cucina milanese e la cucina contemporanea grazie ad una brigata giovane che, come riportano sul loro sito: “fa della ricerca dell’equilibrio, tra componenti sapidi e dolci, amari e acidi, tra la consistenza croccante e cremosa, la principale aspirazione della sua cucina”.

È aperta tutti i giorni sia a pranzo che a cena.

Se si preferisce prenotare è facilissimo, sia grazie alla prenotazione online (facile e veloce) che alla gentilezza del personale al telefono!

Il menù propone una scelta non vastissima di piatti perchè viene rispettata la stagionalità dei prodotti, ma non mancano mai i grandi classici della cucina milanese : il risotto e la cotoletta alla milanese.

La “vera cotoletta alla milanese” è il loro cavallo di battaglia.

Pluripremiata e vincitrice del titolo “Migliore cotoletta” nell’edizione 2015 del Gambero Rosso.

La cantina è composta da oltre duecento etichette provenienti da tutta Italia, con una particolare attenzione al Brunello e Rosso di Montalcino.

La sommelier, estremamente cordiale, consiglia con grande cura (ai meno esperti) l’etichetta più adatta al menù scelto.

La carta dei vini nel 2013 ha vinto il premio “Leccio d’Oro” a Montalcino.

Appena arrivati ci hanno fatto accomodare al nostro tavolo.

Sin da subito si sono rivelati molto gentili e cordiali porgendoci i menù.

Scelte le nostre pietanze, ci siamo fatti consigliare dalla sommelier il miglior vino da accompagnare alle pietanze ed abbiamo richiesto una bottiglia d’acqua naturale.

Subito dopo averci portato i nostri calici di vino rosso (Aglianico del Vulture Teodosio 2014 Basilisco) ci hanno offerto un piccolo “antipasto di benvenuto.

Antipasto di benvenuto :

  • Ciuffo di mousse alla mortadella con granella di pistacchi

Tutti i piatti dei commensali sono arrivati contemporaneamente, nessuno ha dovuto aspettare (caratteristica estremamente importante, dal mio punto di vista!)

Passiamo agli antipasti:

  • Uovo morbido, patate mantecate al burro, nocciola, radicchio tardivo cotto e crudo e spuma di speck trentino (12 euro)

  • Tartare di manzo, gorgonzola dolce, battuto di pomodorini confit, noci tostate e pane carasau (12 euro)

Terminati gli antipasti il tempo di attesa per le altre pietanze è stato perfetto, né troppo né poco.

Abbiamo optato per i “cavalli di battaglia” della cucina milanese:

  • Risotto alla milanese con riduzione di vitello e pistilli di zafferano (14 euro)
  • “La vera cotoletta di vitello alla milanese” – Costoletta di vitello con il manico di ca. 230 gr. (impanata con pancarrè essiccato e grattugiato, cotta nel burro chiarificato) con misticanza, dressing all’aceto balsamico e maionese alla rucola (24 euro)

Sito web : Clicca qui

Quanto hai speso?

Prezzo medio per cena : 35€

Autore : Lucia Macaluso

Per scoprire nuove realtà culinarie su Milano : Clicca Qui e rimani connesso!

Bocum

Bocum

Via dei Cassari,6 – Palermo

RISTORANTE / MIXOLOGY BAR

Bocum è sicuramente il nuovo diamante del centro storico di Palermo.

Il Gambero Rosso lo nota subito e lo “incorona” : Miglior Cocktail bar d’Italia.

Bocum è il Mix vincente delle esperienze sensoriali.

Loro lo definiscono un “nuovo concept” di accoglienza ed esperienza culinaria, ma a noi, invece, ha ricordato subito qualcosa di già visto : L’Armonia.

Da Bocum potremmo dire che : Ha tutto senso.

Un percorso per l’appunto Armonico, dall’arradamento : che crea subito un ambiente confortevole ma allo stesso tempo internazionale.

“Se immaginassi un Loft a Parigi, lo arrederei così”

L’Accoglienza? Il Fiore all’occhiello. Un personale preparato, disposto a mettervi subito a vostro agio con il sorriso!

Bocum sembra non avere talloni d’Achille…

Il concept? Anche a Palermo sembra sbarcare la nuova tendenza : Mixology!

Ma prima chiariamo le idee :

Bartender & Mixology? Cosa sono significano esattamente le due parole più “googlate” nel 2018?

Abbiamo due figure :

  • Flair Bartender
  • Mixologist
  • I Flair Bartender sono figure in voga già dagli anni ’80, ovvero la loro particolarità è saper rendere la creazione di un cocktail un vero e proprio intrattenimento visivo. Tra piroette e doppi carpiati, creeranno il vostro meraviglioso cocktail!
  • Bocum Palermo
  • Il Mixologist, invece è un vero e proprio alchimista, gioca sulle temperature, acidità e la chimica alimentare è la sua Bibbia. Il Mixologist spiega al proprio cliente tutte le fasi del cocktail con l’intento di creare : “la pozione perfetta”.
  • Da Bocum la figura che si prenderà cura di voi è un Barman Mixologist, pronto a stupirvi ad un semplice aperitivo come il nostro!
  • Scegliamo un aperitivo semplice : a base di “tapàs“, ovvero piccoli assaggi, per accompagnare i nostri Cocktails!

    Tra Piccole Tartares di pesce e carne, affettati e formaggi di tutto rispetto – Bocum si fa sempre più spazio nel nostro cuore.

    La frase non mente : ” Prima tu prendi un drink, poi il drink ne prende un altro e infine il drink prende te. ”

    Tutti i drinks che abbiamo bevuto erano Ottimi e perfettamente abbinati al nostro aperitivo.

    Bocum oltre alla possibilità di fare un aperitivo all’esterno, presenta due sale al primo piano : una adatta per un aperitivo, mentre l’altra è dedicata al ristorante.

    “La zona dedicata al Ristorante l’ho trovata intima, romantica, adatta per una cena di coppia o per una serata in cui si ha voglia di prendersi cura di sè stessi.

    Ancora non abbiamo avuto il piacere di cenare da Bocum, ma non perderemo occasione!

    Sito Web : Clicca qui

    Prezzo medio aperitivo : 20€

    Per non perderti le altre novità su Palermo : Clicca qui

    I Maestri del Panettone

    I Maestri del Panettone

    I migliori Panettoni artigianali d’Italia tornano a Milano per la seconda edizione de “I Maestri del Panettone”

    Il 24 e il 25 novembre alle Cavallerizze del Museo della Scienza e della Tecnologia

    Milano si prepara ad accogliere la seconda edizione de “I Maestri del Panettone”: la festa del vero Panettone artigianale che si terrà il 24 e il 25 novembre alle Cavallerizze del Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”.

    A un mese esatto dal Natale, 26 artigiani lievitisti giungeranno da ogni parte dello Stivale per proporre 150 variazioni del dolce simbolo delle festività di fine anno: il Panettone.

    Per il pubblico, l’opportunità di assaggiare e acquistare in un’unica occasione e a prezzi calmierati i migliori Panettoni 100% artigianali, ovvero prodotti esclusivamente con lievito madre e ingredienti naturali nel rispetto delle regole base della vera artigianalità dolciaria.

    Fra i 26 Maestri lievitisti presenti anche un panificatore: si tratta di Davide Fantuzzi (contitolare con il padre Cesare e lo zio Giovanni del panificio Fantuzzi di Aiola, uno dei più conosciuti della Val d’Enza) che ha vinto il Contest Panettoni da Forno dell’evento Bakery 3.0.

    Ma come nasce il vero Panettone artigianale? Sono necessarie tecnica, esperienza e passione: è fondamentale conoscere tutti i segreti del lievito madre e della lievitazione naturale, scegliere solo materie prime eccellenti, dosarle per ottenere l’impasto perfetto, curare ogni dettaglio e saper governare perfettamente la cottura. Solo così si ottiene un prodottogenuino e unico.

    Non a caso tutti i Maestri presenti a Milano hanno sottoscritto “La Carta dei Maestri del Panettone”, documento programmatico che sancisce i principi fondamentali del vero Panettone artigianale: un concentrato di genuinità e naturalità perché prodotto seguendo l’antica ricetta tradizionale (che prevede 72 ore di lievitazione) e senza aggiunta di conservanti, emulsionanti, semilavorati e aromi artificiali.

    Molto ricco il programma che prevede incontri e masterclass con degustazioni a tema per imparare a riconoscere i veri Panettoni artigianali, laboratori, lezioni, assaggi gratuiti e contest per scoprire i “tanti mondi” del Panettone.

    Anche quest’anno verrà infatti allestita “La Fabbrica del Panettone”: un vero e proprio laboratorio di pasticceria per scoprire (e imparare) i segreti del dolce natalizio per antonomasia con l’eccezionale guida dei Maestri presenti all’evento pronti a rispondere e soddisfare ogni curiosità: dal rinfresco del lievito al primo impasto, dal secondo impasto alla formatura negli stampi di carta, per finire con la cottura e il raffreddamento.

    Novità di questa seconda edizione, l’Happy Hour con il Panettone salato: l’originale aperitivo in compagnia dei Maestri Lievitisti per scoprire un insolito connubio.

    Infine, spazio ai bimbi che nel pomeriggio di sabato 24 potranno divertirsi in compagnia di Geronimo Stilton, il topo giornalista più amato dai bambini di tutto il mondo, e trascorrere insieme a lui un pomeriggio stratopico!

    Pronti quindi a lasciarsi conquistare dal fantastico mondo del Panettone?

    L’appuntamento da non perdere è con “I Maestri del Panettone” per un weekend all’insegna della più soffice tradizione italiana!

    I Maestri del Panettone

    Evento milanese alla scoperta dell’arte pasticceria.

    I Maestri del Panettone

    Dove: Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia – Le Cavallerizze – via Olona 6, Milano (MM2 Sant’Ambrogio)

    Orari: sabato 24 novembre dalle 10.00 alle 19.30 e domenica 25 novembre dalle 10.00 alle 18.00.

    Ingresso: €5 biglietto giornaliero. GRATUITO: over 70, bambini sotto i 12 anni. Abbonati e clienti Trenord 2 ingressi giornalieri al prezzo di 1.

    Il biglietto consente l’accesso gratuito a tutte le attività e laboratori in programma.

    Masterclass ad accesso libero previo acquisto del biglietto d’ingresso.

    www.imaestridelpanettone.com

    Ufficio Stampa: MCS & Partners |t. 02 66985471 | press@mcsweb.it

    I Maestri del Panettone è un evento organizzato da:

    SPONSOR:

    Le Milton Beach

    Le Milton Beach

    Aperitivo / Cena

    Lungomare Claudio Tintori, 12 – Rimini

    Avete presente quelle serate magiche dove tutto fila liscio come l’olio? Dove location, cibo e atmosfera si fondono alla perfezione? Ecco, tutto questo è Le Milton Beach.

    Ideato dalle menti del Vichy Cristina (locale pazzesco sempre a Rimini, andate a dare un’occhiata, ndr), Le Milton Beach è uno stabilimento balneare/ristorante in piena riviera romagnola che vi farà sentire catapultati in ambientazioni esotiche, straniere, sognanti.

    Partiamo dalla location. Pezzi di design disseminati ovunque, mises en place originalissime, luci soffuse. Le Milton Beach è il posto ideale per passare una serata fantastica sia in coppia sia con amici.

    Siamo in due e ci accomodiamo in un tavolino davvero intimo, accompagnati da camerieri super simpatici e originali quanto il locale.

    Il menù, principalmente di mare, spazia da classici italiani a rivisitazioni esotiche. Tutto curato nel dettaglio del dettaglio del dettaglio.

    Come antipasto da dividere scegliamo:

    • Gamberi in tempura con salsa agrodolce

    Il tocco orientale della serata. Ma siamo davvero in Romagna?

    • Paccheri cacio e pepe con vongole

    Saporiti al punto giusto, delicati.

    • Salmone teryaki

    Salmone su un letto di riso e salsa teryaki. Parola d’ordine: spezie, spezie, spezie!

    Per poi concludere con un classicone:

    • Mascarpone in cialda con frutti di bosco

    Che dire? Se volete passare una serata in un posto veramente FIGO, con bella musica e buonISSIMO cibo nella vicina Rimini… non troverete locale più adatto!

    Ps: ordinate i cocktail dal barman del chioschetto in spiaggia. Sono spaziali!

    Pps (1): fatevi un giretto in bagno… il soffitto a specchio è instagrammabilissimo 😉

    Pps (2): Totó (il cameriere che ci ha seguiti), se ci leggi, sei un grande!

    Prezzo medio per cena: 40€

    Per altre realtà culinarie della Riviera Romagnola : clicca qui

    Autrice: Martina (@marticrociani)

    kinkao

    Kinkao – Thai Street Food

    Kinkao – Thai Street Food

    PRANZO / CENA

    Corso della Repubblica, 135 – Forlì

    Pausa pranzo veloce, serata take away con filmetto annesso… chi non ha mai sognato di farlo in versione thai?

    Ora, a Forlì, SIII PUÓÓÓ FAAARE!!! (letto alla Frankenstein Jr., n.d.r.).

    Infatti, per chi non lo sapesse, ha da poco aperto i battenti Kinkao Thai Street Food, un angolo di Thailandia nel centro più centro di Forlì, corso della Repubblica.

    Il locale è piccolo piccolo: un bancone con alcuni sgabelli all’interno e un dehors con tavolini e coperte di pile per mangiare fuori senza prendere freddo. Tutto ciò che serve per gustare veri piatti della tradizione Thai.



    Noi abbiamo testato per voi un classicone, il pad thai, versione vegetariana:

    Buono, buonissimo!



    Menzione speciale poi per posate, tovaglioli e piatti rigorosamente bio degradabili. Insomma, un thai ecofriendly!

    Studenti fuorisede, forlivesi con voglia di evadere dal classico piatto di tagliatelle al ragù, eccovi servita un’ottima alternativa per sognare di essere al caldo!

    Qui trovate la pagina Facebook! Potete inoltre ordinare tramite l’app Food Racers!

    Prezzo medio per piatto unico: 8€

    Autrice: Martina



    Segui Le Palais Raffinè su Instagram!

    Agriturismo “Poderone” di Lorenzina Benilli

    AGRITURISMO / PRANZO

    Agriturismo “Poderone” di Lorenzina Benilli

    Via Poderone, n. 64 – Campigna (FC)

    http://www.poderone.it/index.php

    La domenica perfetta la potete passare pranzando all’Agriturismo “Poderone” in Campigna.

    Vecchio casale, ancora dal sapore rustico, come una vera casa dell’Appennino tosco-romagnolo, ma perfettamente ristrutturato che si trova nei pressi del Parco delle Foreste Casentinesi, in un’atmosfera magica, con uno scenario che io ho avuto la fortuna di vivere e vedere completamente innevato.

    La proprietaria, signora Lorenzina, è alla mano, cordiale, ti fa sentire a casa e ti coccola come fa una nonna con i propri nipoti.

    Una calda accoglienza viene riservata per ogni ospite e durante il pranzo, lei stessa, passa in mezzo a tutti i tavoli per scambiare due chiacchiere e spiegare ogni portata.

    Si pranza alle ore 13:00, se si arriva prima, viene servito un piccolo aperitivo nella tavernetta del casale, una stanza con una grande vetrata che vi lascerà senza parole per la magnifica vista sulle montagne!

    La cucina propone piatti dal sapore antico, di una volta, che fanno parte della cultura tosco-romagnola e vengono usato esclusivamente prodotti biologici.

    La particolarità del menù, oltre ad essere uguale per tutti, è nella “sorpresa”, cioè… le portate non si scelgono, ma si scoprono durante il servizio! (Viene mostrata comunque attenzione per i clienti che seguono diverse alimentazioni, infatti al momento della prenotazione, che vivamente consiglio, bisogna specificare se si è onnivori, vegetariani, vegani o se si hanno allergie ed intolleranze.)

    Io ho preso il menù vegetariano (che come gli altri, varia a seconda dei giorni e delle stagioni, come ho già detto : SORPRESA!)

    Queste sono state le portate:

    Antipasto:

    • Polenta di castagne con pinoli e olio fiorentino

    Primi:

    • Spaghetti alla rapa rossa (a mio parere, Ottimi!)
    • Acqua cotta (minestrone cotto per gradi)
    • Tortelloni di ricotta e spinaci ripassati al forno con parmigiano

    Secondo:

    • polpettine di spinaci e verdure
    • Insalata con cavolo cappuccio e cipolla

    Dolce: semifreddo mascarpone e caffè

    Il prezzo varia dai 25/30€ a testa a seconda del numero delle portate.

    Il pranzo comprende tutto : dall’antipasto al caffè, acqua e vino compresi, con la possibilità di “fare il bis” di ogni piatto!

    L’Agriturismo dispone inoltre di 4 camere per poter soggiornare! (Sempre consigliata la prenotazione)

    Questo è un luogo che ho voluto provare e che ho amato dall’inizio alla fine.

    Ne avevo tanto sentito parlare, soprattutto bene e così è stato!

    Uscirete sazi, senza alcun dubbio, ma anche rilassati grazie all’ambiente unico, al panorama e al calore di questo luogo.

    Questa è la bellissima veranda che si trova al piano inferiore, accanto alla tavernetta.

    Panorama mozzafiato!

    Autore : Valentina

    Baobar – Milano

    Baobar

    Via Bartolomeo Eustachi, 24 Milano.

    BAR / RISTORANTE

    Nella prima domenica di dicembre, con un po’ di freddo e qualche raggio di sole che riscalda decido di andare a fare un brunch.

    E che posto potrei mai scegliere se non il Baobar?

    Il locale è piccolo e ben arredato curato nei dettagli che ti fa sentire a tuo agio, con una musica di sottofondo meravigliosa.

    Gli ambienti e gli arredi sono costituiti da elementi in stile green”. Infatti, una parete è rivestita di muschio e i tavoli in legno sono realizzati con materiali di recupero.



    Il locale è aperto tutti i giorni della settimana da lunedí a domenica, e gli orari di apertura vanno dalle 8:00 all’ 1:00 (2:00 il venerdí e il sabato) di notte. Quindi si possono gustare ottime colazioni, pranzi, aperitivi, cene e appunto la domenica anche per il brunch.

    Il brunch che ora è molto in voga a Milano la domenica viene servito nel locale in una fascia oraria che va dalle 12:00 alle 16:00. Con il seguente menu:

    Che cosa ordiniamo?

    • Menu salmone: salmone marinato all’aneto con insalatina di misticanza in fiore, finocchi, avocado, crema al formaggio, arancia. Uova strapazzate servite con bacon e pane tostato e patate. Macedonia. Caffè americano, spremuta d’arancia e acqua.
    • Menu burger: Classic burger (hamburger 180gr, cheddar, bacon, lattuga, pomodoro), patate. Uova all’occhio di bue servite con bacon e pane tostato. Caffè americano, spremuta d’arancia e acqua.

    La macedonia fresca:



    Il prezzo del brunch varia in base dal menù scelto; e la fascia prezzo va da 18€ a 23€.

    I gusti delle pietanze sono ottimi, tutto curato nei minimi particolari.

    Il personale del locale è molto cordiale e disponibile sempre con un bel sorriso pronti ad aiutare il cliente.

    Che dire in conclusione?

    Assolutamente da provare (o da tornare)!



    Instagram : baobar_milano

    Autore : Beatrice