Dorayaki

Dorayaki

Via del porto fluviale 3, Roma

In un mercoledì di routine, decido di “cambiare rotta” ed entro da Dorayaki, un piccolo e accogliente angolo di Giappone, che si presenta minimal e moderno. Vengo subito accolta da Kayoto, proprietaria di Dorayaki e grande esperta di Food nel panorama enogastronomico orientale e italiano.

Dorayaki Roma, Le Palais Raffinè

Kayoto mi racconta che da bambina era appassionata di Doraemon e questa passione non si è mai spenta; così, sognando da sempre l’Italia, un anno fa, decise di venire a Roma per far conoscere il vero Giappone, con la sua modernità e la sua cultura contemporanea, omaggiando così uno dei simboli a lei più cari : Doraemon.

Uno degli aspetti fondamentali di Dorayaki è l’attenzione nella scelta dei prodotti naturali e di primissima qualità, come il loro  Chakiki, importato direttamente dal Giappone e coltivato con un metodo completamente naturale. 

Iniziamo dunque la scoperta di questo oriente immerso nella Caput Mundi.

Vi presento subito il tradizionale : dorayaki farcito con una generosa marmellata di fagioli rossi (azuki), accompagnato da un matcha latte freddo e un pudding alle ciliegie con fiori sotto sale.

Ci sono sette versioni diverse di dorayaki, cercando di accontentare tutti i palati, dai sapori più tradizionali ai più mediterranei. Infatti, ho voluto assolutamente provare il dorayaki alla crema di tiramisù, che da buoni romani, non può non piacere. 

I dorayaki sono preparati con farina di riso biologica, sono quindi senza glutine e senza grassi:

una merenda senza sensi di colpa.

Insomma, se volete assaggiare il dolce preferito di Doraemon e viaggiare nel futuro insieme a lui, questo è il posto fatto apposta per voi!

Dorayaki: 3,50€

Matcha latte: 5€

Autore : Federica Riccio

Segui Dorayaki anche su Instagram : clicca qui